Home » News » I Medici arriva al pubblico internazionale

I Medici arriva al pubblico internazionale

I Medici

I Medici si apre al pubblico internazionale. La serie commissionata dalla RAI ha avuto un gran successo, con picchi di 7 milioni di spettatori.

Ha avuto un buon riscontro anche nel pubblico giovanile ed è stata la serie più twittata in Italia quest’anno.

Con un responso così positivo nel Bel Paese, Netflix ha deciso di acquistare i diritti per distribuire Medici: Masters of Florence nel resto del mondo.

Dal 9 dicembre, anche Stati Uniti, Regno Unito, Inghilterra, Irlanda, Canada e India potranno vedere la serie sulla piattaforma streaming.

Sono contento che milioni di spettatori potranno vedere I Medici su Netflix” ha affermato Frank Spotnitz (X-Files), creatore e produttore tramite la sua azienda Big Light Productions. “Sono stato entusiasta dell’incredibile responso ottenuto dal pubblico italiano. Non vedo l’ora di vedere come reagirà il pubblico internazionale.

A occuparsi della distribuzione a livello globale è stata la Wild Bunch TV. “Siamo eccitati all’idea di portare I Medici a un pubblico internazionale. La serie è stata un gran successo commerciale” ha affermato Carole Baraton, capo dell’Ufficio Vendite Internazionali per l’azienda.

MediciCo-produzione della RAI, della Lux Vide e della Big Light Productions, I Medici ci racconta la storia della famiglia Medici.

La famiglia ha avuto un ruolo di rilievo nella storia italiana, promuovendo per generazioni la vita artistica, culturale, spirituale e scientifica, passando da semplici mercanti a ricchi finanzieri.

Il cast, internazionale e italiano, ha visto la presenza di Dustin Hoffman, Richard Madden, Alessandro Preziosi e Annabel Scholey.

Frank Spotnitz ha rivelato di aver pensato di cominciare la serie con Lorenzo il Magnifico, ma poi ha cambiato idea. “Volevamo raccontare la storia dei Medici e ci è sembrato sbagliato saltare le origini della famiglia. Abbiamo quindi deciso di incominciare il racconto dal momento in cui Cosimo prende il posto di suo padre. Questo ci ha permesso di raccontare le origini della banca (tramite flashback), ma anche di parlare dei cambiamenti di Firenze in quel tempo”.

La storia di Lorenzo il Magnifico sarà trattata nella seconda stagione, già confermata dalla RAI.