in

I Soprano: dopo 14 anni, Chase ha svelato quale sarebbe dovuto essere il destino di Tony

Per chi non lo sapesse, I Soprano è diventato un grande successo per la HBO sin dalla sua prima messa in onda nel lontano 1999, ottenendo recensioni entusiastiche da parte della critica, ottenendo 21 Primetime Emmy e cinque nomination ai Golden Globe nelle sue sei stagioni.
L’attore James Gandolfini ha guidato la serie nei panni del mafioso italo-americano Tony Soprano e incentrato sulla sua vita nella mafia con sede nel New Jersey, nonché sulla vita della sua famiglia, dei colleghi mafiosi e dei rivali. I Soprano presentava un cast ben assortito: oltre a Gandolfini comprendeva anche Edie Falco, Michael Imperioli, Lorraine Bracco, Dominic Chianese, Steven Van Zandt, Tony Sirico, Robert Iler e JamieLynn Sigler.
La sua popolarità ha visto HBO espandere la proprietà anche ad altri mezzi, tra cui il videogioco del 2006 The Sopranos: Road to Respect, libri, album di colonne sonore e podcast. La serie televisiva ha fatto anche recentemente il suo debutto sul grande schermo con il film prequel The Many Saints of Newark con il figlio di James Gandolfini, Michael, nei panni di un Tony Soprano adolescente negli anni ’60 e ’70; il film ha ricevuto recensioni generalmente positive dalla critica ed è diventato un successo anche in streaming per HBO Max.

David Chase, creatore dello show I Soprano, ha finalmente svelato il destino tanto chiacchierato di Tony

Sulla scia dell’uscita del film prequel, Chase ha recentemente parlato con The Hollywood Reporter’s Awards Chatter Podcast per discutere della sua acclamata serie. Riflettendo sul finale della serie de I Soprano e sulla sua apparente conferma un anno prima della morte di Tony in detto episodio, Chase ha fatto notare che non si riferiva esplicitamente a quella scena nell’intervista precedente, ma a quella pianificato per la morte del personaggio.
Qui sotto la dichiarazione completa dello showrunner:

Perché la scena che avevo in mente non era quella scena. Né ho pensato al “passaggio a schermo nero”. Avevo una scena in cui Tony tornava da un incontro a New York in macchina. All’inizio di ogni show, lui arrivava da New York nel New Jersey, e l’ultima scena poteva essere lui che tornava dal New Jersey a New York per un incontro in cui sarebbe stato ucciso. Sì. Ma penso di aver avuto questa idea: stavo guidando su Ocean Park Boulevard, vicino all’aeroporto, e ho visto un piccolo diner. Era una specie di baracca che serviva la colazione. E per qualche motivo ho pensato: “Tony dovrebbe stare dentro un posto come quello”. Perché? Non lo so. È successo tipo due anni prima.

Nei quasi 15 anni da quando è andato in onda, il finale della serie televisiva rimane l’elemento più discusso rispetto a qualsiasi altra cosa per il suo brusco finale. Prima dei suoi ultimi commenti, David Chase era notoriamente silenzioso sul significato di quella scena finale, e ha sempre scelto di lasciare all’interpretazione soggettiva del telespettatore la decisione sul se quel nero significasse la morte di Tony o meno.

Si potrebbe pensare che lo showrunner sia particolarmente frustrato, a questo punto, a causa delle domande degli spettatori sul significato del finale de I Soprano, ma la verità che ha recentemente affermato è che il suo fastidio sull’argomento proveniva da coloro che volevano sapere se Tony era stato ucciso.
Il creatore vincitore di un Emmy ha sempre creduto che, dato che il pubblico è rimasto innamorato del personaggio per sette anni, sembrava strano che volessero vedere Tony morto. Un sentimento nettamente di contrasto con quello provato dai fan di Breaking Bad, serie di punta dell’emittente AMC.

Che cosa ne pensate?
Fatecelo sapere nei commenti!

LEGGI ANCHE – I Soprano: il più grande trattato televisivo sulla depressione

Scritto da Silvia Nunnari

Ho deciso che fra una serie televisiva ed un'altra, sorseggiando vino con Cercei Lannister ed Olivia Pope, di riempire il web con la mia scrittura.

friends

Friends, Matthew Perry confessa le sue dipendenze

Game of Thrones: la bozza originale prevedeva un altro inquietante incesto per Jon Snow