in

I Am Not Okay With This: lo showrunner rivela segreti e aspettative dietro la cancellazione

I Am Not Okay With This
I Am Not Okay With This
#
#

Jonathan Entwistle, showrunner e co-creatore di I Am Not Okay With This, ha deciso di rivelare alcune delle ragioni che hanno portato Netflix a cancellare la serie televisiva.
I Am Not Okay With This è stata tratta dalla graphic novel di Charles Forsman, il quale aveva anche fornito il materiale originale per la precedente serie Netflix di Entwistle, The End of the F *** ing World. Entrambe le serie seguono una coppia di adolescenti disadattati che si sentono pesci fuor d’acqua nelle rispettive città natali e sono persino collegati tramite un “easter egg“.

#
#

Parlando con Insider, lo showrunner ha affermato che il costo aggiuntivo dei test del coronavirus e dei DPI è stato un fattore, ma menziona anche il fatto che la serie tv non ha fatto i numeri che Netflix si aspettava, soprattutto dopo un buon primo fine settimana seguito da un costante calo delle visualizzazioni. La seconda stagione era stata pianificata per terminare lo show, e lui con il co-creatore Christy Hall aveva scritto la stagione con un finale definitivo in mente.

i am not okay with this

Molte delle domande che ci siamo posti nella prima stagione sono state mappate per una seconda. Quando l’hanno commissionata e ci hanno dato il via libera nella stanza degli scrittori, ci hanno detto che sarebbe stata l’ultima stagione. Quindi stavamo scrivendo un finale che avevamo già pianificato. Ovviamente c’era l’imminente sciopero degli scrittori, che è stata sicuramente una cosa enorme per Netflix. Lavoravamo quasi di settimana in settimana, non sapendo quanto tempo sarebbe durato prima che qualcuno premesse il grilletto su qualcosa che avrebbe avuto un effetto [nello show]. Quando la pandemia ha colpito, ci siamo trasferiti dall’ufficio e c’è stato sicuramente un cambiamento all’interno di Netflix. Abbiamo finito le sceneggiature ed è stato un duro lavoro tramite Zoom. Nessuno scrittore ti dice che quelle cose sono buone. Non è buono. Stavamo programmando il budget, eravamo pronti a partire. Le riprese avrebbero dovuto iniziare a maggio/giugno e ovviamente le riprese sono state ritardate. [Poi] ci siamo appena resi conto che a prova di COVID lo spettacolo sarebbe costato molti più soldi. Penso di aver visto alcune persone parlare e le cifre sono giuste: si tratta di un valore compreso tra i 5 e i 10 milioni di dollari a stagione per il PPE, per i test e per i cambiamenti sistematici per renderlo più sicuro. Penso che uno dei problemi che abbiamo affrontato con I Am Not Okay With This è che per molti versi lo consideravo uno spettacolo più piccolo e di nicchia e lo consideravano un sostituto di Stranger Things. Penso che quando hanno esaminato tutte le finanze, lo show era più costoso di quanto pensassero valesse la pena fare. Netflix stava praticamente dicendo che stava pagando grandi gruppi di registi e attori per non fare nulla. Eravamo bloccati e sembrava che non sarebbe mai stato girato. E poiché non ho un accordo generale o altro con Netflix, mi vietava di lavorare su altri progetti tramite COVID.

È molto da digerire, ma essenzialmente ciò che Entwistle sta dicendo è che Netflix aveva sperato che I Am Not Okay With This sarebbe stata un successo della stessa portata di Stranger Things.
Di conseguenza, hanno ritenuto che il costo aggiuntivo della produzione della seconda stagione, prima o dopo l’attuale pandemia, non ne valesse la pena.

#
#

LEGGI ANCHE: Netflix, tutti i contenuti in scadenza a Novembre: le Serie Tv cancellate sono 6, ecco la lista

Scritto da Silvia Nunnari

Ho deciso che fra una serie televisiva ed un'altra, sorseggiando vino con Cercei Lannister ed Olivia Pope, di riempire il web con la mia scrittura.

the crown

10 curiosità sulla straordinaria The Crown

Stranger Things: Millie Bobby Brown ha riprodotto una scena per Halloween [VIDEO]