in , , ,

Ecco svelato perché l’emergenza globale sta bloccando anche il rilascio sulle piattaforme streaming

Netflix-Guardare-Insieme-A-Distanza

In un momento in cui la maggior parte delle persone (si spera) stanno a casa per il coronavirus praticando il distanziamento sociale, la domanda di nuovi contenuti sulle piattaforme streaming è più alta che mai. Sempre più persone fanno il classico zapping fra Netflix, Amazon Prime e la nuova arrivata Disney+, alla ricerca di qualcosa di nuovo da guardare; alcuni di loro sono riusciti ad aggiungere nuovi contenuti per catturare la loro attenzione.
Ad esempio, Disney+ ha rilasciato Frozen II mesi prima del previsto e alcuni studi cinematografici hanno deciso di inviare alcune versioni recenti a VOD (video on demand). Tuttavia, questo non è risultato abbastanza per alcune persone.

A proposito del recente rilascio della nuova piattaforma streaming, ti ricordiamo che con un abbonamento annuale di 69,99€ si ha la possibilità di guardare i contenuti di Disney+ fino a un massimo di quattro schermi contemporaneamente.
Si tratta di quasi 6 euro al mese per usufruire della visione di film, serie tv, documentari e tanto altro.

Iscriversi è facile e veloce: cliccando qui potrai subito entrare nell’immenso mondo Disney approfittando della PROVA GRATUITA.

A causa del coronavirus, la maggior parte dei film in uscita in queste settimane e per i prossimi mesi, sono stati spostati in nuove date o posticipati a tempo indeterminato. Nel caso delle uscite della Disney, alcuni fan hanno chiesto che i film in ritardo fossero messi sulla piattaforma, come il film su Black Widow della Marvel. È improbabile che ciò accada a causa di motivi finanziari, ma c’è anche un altro motivo per cui alcuni film e serie televisive non possono essere aggiunti ai servizi di streaming in anticipo.

L’attore di Arrow, Stephen Amell, ha iniziato a ospitare chat quotidiane su Instagram Live, e ieri ha incluso suo cugino Robbie Amell, che reciterà in Upload di Amazon Prime che debutterà il 1° maggio. I fan hanno iniziato a chiedere ad Amell di convincere l’azienda ad anticipare, così da avere qualcosa di nuovo da guardare. L’attore ha spiegato che non è possibile per un motivo specifico: le lingue straniere.

Stavo cercando di convincerli a rilasciarlo prima, perché come ogni altro commento è stato: “Rilascialo ora! Rilascialo ora!”, Ha a che fare con il fatto che, poiché Amazon Prime rilascia contemporaneamente tutto a livello globale, stanno ancora doppiando le lingue straniere. Quindi finirà per essere il 1° maggio.

Dato che il mondo intero sta affrontando la pandemia di coronavirus, i servizi di streaming non vogliono alienare i loro spettatori internazionali o rendere le cose disponibili solo per una fetta di abbonati. Come Amazon, Netflix rilascia i suoi contenuti contemporaneamente a livello internazionale, quindi rilasciare determinate versioni quando i sottotitoli (o doppiaggi) sono incompleti probabilmente non è un’opzione.
Per Disney+ è un po’ diverso perché al momento non è nemmeno disponibile ovunque, ma potrebbe avere una politica simile.

Che cosa ne pensate?

LEGGI ANCHE: Chuck – Zachary Levi aperto a una spiazzante rimpatriata

Written by Silvia Nunnari

Ho deciso che fra una serie televisiva ed un'altra, sorseggiando vino con Cercei Lannister ed Olivia Pope, di riempire il web con la mia scrittura.

One Piece, trapelano alcuni dettagli del live action: sarà molto più oscuro e violento dell’originale

Better Call Saul

Better Call Saul – 5×06: il fumo sull’acqua