in , ,

Stranger Things 3 – David Harbour ha le idee chiare sul futuro dello sceriffo Hopper

jim hopper

Stranger Things è stato rinnovato per una terza stagione e non sappiamo ancora quasi nulla su come i fratelli Duffer decideranno di sviluppare i nuovi episodi (potete trovare maggiori informazioni qui). Ma David Harbour ha sicuramente le idee chiare su quello che vorrebbe per il suo personaggio, lo sceriffo Jim Hopper, e ha rilasciato alcune interessanti dichiarazioni durante un’intervista per Variety.

Harbour ha voluto sottolineare quanto ami il rapporto che si è creato tra Hopper e Joyce:

hopper e joyce

Sono stato molto esplicito riguardo a quanto ami la dinamica tra Joyce e Hopper che, a mio parere, non abbiamo potuto approfondire nella seconda stagione per mancanza di tempo. Adoro il rapporto creatosi tra questi due personaggi . Lo paragono a  quello tra Jack Nicholson e Faye Dunaway in Chinatown o Indiana Jones e Marion in I predatori dell’arca perduta. E’ un rapporto di amore-odio fatto in modo così sofisticato dai Duffer, e Winona è davvero fantastica. Amiamo girare le scene insieme e mi piacerebbe avere più tempo con lei

Harbour ha inoltre espresso un paio di richieste sulla storia passata di Hopper e ha dichiarato che sarebbe entusiasta di creare nuove interazioni con altri due personaggi molto amati:

Penso che chi mi segue su internet sappia del mio amore per Joe Keery. Sarei entusiasta di vedere Hopper e Steve unire le forze, ma dubito seriamente che accadrà. Mi piacerebbe lavorare con Gaten Matarazzo (Dustin). E vorrei approfondire di più il passato di Hopper. Quando Eleven va in cantina vede alcune scatole, una delle quali ha scritto ‘Hawkins Lab’. Poi ci sono ‘Papà’, ‘Vietnam’, ‘New York’. Ci sono molti aspetti della storia in cui ci potremmo addentrare, come il periodo trascorso a New York come poliziotto, o il tempo in Vietnam. Mi piacerebbe vedere qualcosa in più su tutto questo, ma ci sono tantissimi personaggio grandiosi, quindi non so quanto spazio potrebbero darmi.

stranger things

 Per quanto riguarda Sara, la figlia deceduta di Hopper, l’attore vorrebbe approfondire l’argomento, visto che nelle due stagioni precedenti è stato appena accennato:

Ci sono ancora molte cose da spiegare riguardo Sara. In teoria muore cinque anni prima dell’inizio della storia. Per quanto riguarda la dimensione temporale diciamo nella prima stagione che sono ritornato a Hawkins dopo quell’ esperienza. E ho quella che chiamo la mia ex moglie, che ora si è risposata e ha un figlio. C’è del materiale davvero ricco da quel punto di vista e, per quanto riguarda i segreti che circondano Sara e quell’ intero evento, spero che verranno approfonditi nelle prossime stagioni. C’è molta più complessità nella relazione di Hopper con la morte di Sara. Mi piacerebbe vederla sviluppare e andare oltre.

Non sappiamo quando sarà disponibile su Netflix la terza stagione ma Harbour ha fatto una scommessa: secondo lui arriverà tra gennaio e febbraio del 2019.

Leggi anche – David Harbour dice la sua sulla data di uscita della stagione 3 di Stranger Things

Written by Ambra Pugnalini

"Never be cruel, never be cowardly. And never ever eat pears!"

maggie greene

Maggie Greene – Quando il dolore si tramuta in forza

Il pagellone delle Serie Tv – Promossi, bocciati e rimandati del 2017