in

La lista completa delle Serie Tv che parleranno del Coronavirus nelle loro nuove stagioni

Coronavirus

La pandemia da Coronavirus ha colpito tutti i settori compreso quello dell’entertainment, nel quale ci rientrano le nostre amate serie tv. La maggior parte delle produzioni sono state interrotte, alcune sono riprese da poco, altre attendono ancora di sapere il loro destino. E inevitabilmente la stagione televisiva slitterà di qualche mese, così come le nuove uscite. La realtà del Coronavirus ormai è assodata e difficile da ignorare. Alcuni produttori non sono interessati a questo virus come ha dichiarato Ryan Murphy all’Hollywood Reporter:

“Personalmente sono più interessato alle cose che riguardano la speranza, la bellezza e il romanticismo – l’opposto dell’oscurità che stiamo attraversando. Quindi queste sono le cose che sto scrivendo e che mi interessano come una sorta di fuga”

Altri invece hanno deciso di non ignorare quello che sta succedendo nel mondo a causa di questo virus che ci ha tenuti in casa per diversi mesi. Non faranno finta che il mondo della serialità viva in un universo alternativo dove questa malattia non esiste. Se una serie tv è ambientata ai giorni d’oggi, deve fare i conti con il Coronavirus.

E non stiamo parlando solo di medical drama.

Coronavirus

Non stupisce che show a tema medico abbiano deciso di introdurre nelle loro storie il Covid-19. Lo faranno Grey’s Anatomy (come spiegato in questo pezzo), The Resident e New Amsterdam. Anche quelle serie tv dedicate ai pompieri o alle persone addette al primo soccorso parleranno di Coronavirus: tra le altre lo spin-off di Grey’s Anatomy, Station 19, e le serie tv 9-1-1 e 9-1-1: Lone Stare. A questi show incentrati sui medici o su coloro che lavorano con le emergenze se ne uniscono altri per cui non era scontato introdurre la pandemia, né tantomeno doveroso come nelle serie tv sopracitate.

Al The Hollywood Reporter e a Entertainmant Weekly diversi produttori hanno spiegato il perché della loro scelta di introdurre il Coronavirus nei loro show.

Greg Berlanti ha rivelato che i suoi scrittori hanno scelto tra due opzioni: iniziare le loro stagioni pre- pandemia e avere il virus che arriva nel corso degli episodi- il che dà il scrittori un po ‘di respiro – o impostandole post-pandemia in modo che il Coronavirus possa essere affrontato alle loro condizioni. Nella sua serie Netflix You, ad esempio, probabilmente si verificherà tra le stagioni. Il motivo per cui Berlanti ingloba il virus nella terza stagione di You è tanto semplice quanto ovvio:

“Non affrontarlo non era un’opzione perché c’è un patto con il proprio pubblico in cui bisogna fare i conti con la vita reale“.

John Wells, showrunner di Shameless, ha dichiarato che diversi membri della famiglia Gallagher verranno infettati dal Coronavirus e tutti ne subiranno l’impatto. Secondo le sue parole:

“è impossibile fare una commedia satirica sui poveri che lavorano senza affrontare ciò che è accaduto e ciò che accadrà a quella comunità. La sfida, ovviamente, è renderlo divertente perché non c’è molto di divertente al riguardo.”

Il produttore di Brooklyn Nine-Nine (che è ripetitiva ma va bene così) Dan Goor ha confermato che lo show risponderà a un quesito riguardo come i protagonisti siano stati “colpiti dal virus e dalla pandemia sia come residenti di New York City che come primi soccorritori della città”.

Leggi anche – Brooklyn Nine-Nine riscrive tutta la sua nuova stagione

Written by Chiara Manetti

Amo scrivere; è la mia passione più grande. Datemi due personaggi e vi monto una storia in un baleno. Mi considero da sempre una scrittrice, anche se non ho mai pubblicato niente.
Amo le serie TV. Le ho scoperte quasi per caso ma, da quando l'ho fatto, non le ho più abbandonate. Ne divoro non so quante a settimana, al mese, all'anno.
Quindi che fare con due passioni come queste? La risposta è semplice: le ho unite. Ho fatto bene? Ovviamente. Il risultato? Beh, quello me lo dovete dire voi.

How I Met Your Mother

How I Met Your Mother: ecco perché la sit-com è finita con la nona stagione

Game of Thrones è quasi stata una serie animata