Vai al contenuto
Home » News » Aaron Paul si è stancato degli insulti

Aaron Paul si è stancato degli insulti

Recentemente i fan della Serie Tv Breaking Bad, prodotta dall’emittente Televisiva AMC, hanno festeggiato i dieci anni dalla messa in onda dell’episodio pilota, avvenuta a gennaio del 2008. A tal proposito, l’attore Aaron Paul si è presentato ad una puntata del rinomato Show condotto da Jimmy Kimmel, non solo per promuovere la sua nuova Serie Televisiva (Paths) ma anche per discutere di Breaking Bad e del suo personaggio: Jesse Pinkman.
Secondo recenti indiscrezioni, il personaggio di Paul, doveva morire nella prima stagione, ma i produttori cambiarono successivamente idea.
Ma non solo.

Pinkman, per chi ricorda la celebre Serie Televisiva, aveva una peculiare caratteristica: ripeteva, continuamente, la parola “bitch“, l’equivalente nostrano di “stronz*“.
Una particolarità che i fan hanno adorato tantissimo nel corso delle cinque stagioni di Breaking Bad. Tant’è che in questi anni hanno utilizzato questo termine nei confronti di Aaron Paul molto spesso – soprattutto quando lo incrociavano per strada.
L’attore, però, si è lamentato di questi numerosi insulti ricevuti, arrivando a dichiarare di essere – probabilmente – la persona più insultata sul pianeta.

Jimmy Kimmel, il conduttore del programma, ha fatto notare come adesso Aaron Paul è padre e forse, gli appassionati della Serie, dovrebbe smettere di urgargli contro questo termine.
L’attore ha voluto aggiungere, con tono scherzoso:

Sono passati dieci anni, gente!

Ma l’attore Aaron Paul è stato oggetto di numerosi pettegolezzi ultimamente anche per un’altra questione.
Sembrerebbe che, infatti, Jesse Pinkman tornerà sui nostri Teleschermi. Secondo alcune foto che stanno girando in rete in queste ultime  settimane, alcuni fan hanno ipotizzato la sua presenza nella Serie Better Call Saul (qui potete leggere l’articolo).
Cosa ne pensate? Sareste contenti di rivedere Aaron Paul nelle vesti di Pinkman ma in un’altra Serie?

Leggi anche: La banda di Manchester che pare essersi ispirata a Breaking Bad è stata condannata a 85 anni di carcere