in

La classifica dei 5 peggiori villain de La Casa de Papel

la casa de papel

La banda dei Dalí ha dovuto affrontare parecchi ostacoli nel corso delle stagioni. Dalla rapina alla Zecca di Stato sino a quella alla Banca di Spagna, i rapinatori de La Casa de Papel si sono sempre scontrati con uno o più villain all’altezza delle loro imprese.

Nella serie tv spagnola l’equilibrio tra il bene e il male è stravolto: i protagonisti vengono presentati come eroi ribelli dotati di un codice morale, mentre le istituzioni assumono il ruolo di antagoniste. La corruzione dei politici e delle forze dell’ordine è infatti portata alla luce dagli stessi rapinatori, per i quali non possiamo che fare il tifo.

Spietati, privi di morale, disonesti. I villain de La Casa de Papel portano divise e cravatte, e sono disposti a qualsiasi cosa pur di fermare il Professore e la sua squadra. Li abbiamo odiati, compresi, e poi odiati ancora: i criminali più amati della televisione sono stati ostacolati da parecchi nemici, ma quali sono i peggiori tra tutti? C’è chi non è riuscito a tenere testa ai Dalí e chi, invece, li ha affrontati eccome, vincendo più di una battaglia.

Ecco la top 5 dei villain de La Casa de Papel.

5) Alfonso Prieto

la casa de papel

Le imprese del Professore e della sua banda sono state ostacolate, sin dalla prima stagione, dal rigidissimo colonnello Alfonso Prieto. Austero e tendenzialmente misogino, l’uomo ha tentato in tutti i modi di rispondere alle azioni e alle richieste del capobanda con violenza e brutalità.

L’uso della forza per lui non è mai stato un problema, e in più di un’occasione ha mostrato il suo distacco emotivo circa le condizioni degli ostaggi e dei criminali, interessandosi unicamente ai propri interessi. Il desiderio di vincere lo scontro pubblico contro i rapinatori lo ha reso – stagione dopo stagione – vulnerabile e iroso, rivelando così la sua incapacità nel gestire una tale operazione.

Nell’ultimo capitolo dello show il colonnello dà il peggio di sé, mentendo spudoratamente a una platea di giornalisti circa le torture subite da Rio. Sebbene sia a capo della squadra di polizia, Alfonso Prieto non si rivela all’altezza del ruolo che copre. Pensiamo infatti alla leggerezza con la quale propone piani bellici per annientare i ladri o alle frecciatine volgari e sessiste nei confronti di Raquel.

Orgoglioso ed estremamente arrogante, il colonnello rientra indubbiamente tra i peggiori nemici incontrati ne La Casa de Papel.

Written by Simona Mainenti

Innamorata della scrittura, ossessionata da film e serie tv.
Sono fermamente convinta che la cultura sia il superpotere più figo di tutti.

Killing Eve

Killing Eve: quando l’assassino sociopatico è una donna

how i met your mother

Suit Up