in ,

How To Get Away With Murder ci rivela il nome di un colpevole imprevedibile

How To Get Away With Murder

Comincerei con il dire una cosa: queste episodio di How To Get Away With Murder mi ha fatto sciogliere insieme alle lacrime di Frank e infervorare con l’astuzia di Wes.
Poi i cuccioli Coliver che si sono riavvicinati, Bonnie sempre più cazzuta, Laurel sempre più pesce lesso… etc etc…

Andiamo con ordine

L’episodio Call it mother’s intuition inizia con il flashforward di Annalise sbattuta in cella dopo l’incendio in casa sua, in attesa di accuse ufficiali e spunta fuori una fonte anonima; in parallelo nel flashback di due settimane prima, Wes è chiamato a rilasciare una dichiarazione come testimone dell’omicidio Mahoney, e ovviamente – come fa in ogni situazione in cui si caccia – combina guai mentendo alla polizia circa l’aver visto il figlio sospettato sulla scena del crimine.

Possiamo tornare al presente,
che questo “episodio – rivelazione”
di How To Get Away With Murder
abbia inizio!

… E ha inizio nel peggiore dei modi, con la presentazione del caso pro bono della settimana, una dolce vecchina avvelenata con l’antigelo, i cui tre figli sono i principali indiziati! Quale figlio ucciderebbe la propria madre?

Ehm, man mano che scopriamo altri dettagli su Edith Duvall due domandine ce le poniamo. Una fredda calcolatrice che stritola i suoi figli nella morsa del terrore, del rancore, della commiserazione, diciamo pure di un disgusto mal celato.
Si dichiarano innocenti e alla domanda di Michaela (“Davvero la volete vedere morta?”) risponde con un freddo: «Mi dica chi l’ha avvelenata, e gli offro da bere».
Sento puzza di amore materno andato a male!

I ragazzi si mettono ad indagare dividendosi i compiti, e Wes e Laurel con una scusa ridicola sgattaiolano via per una pausa studia più divertente… sotto lo sguardo di ghiaccio di Frank, che è tornato a casa dopo aver sistemato la “Faccenda Mahoney”.

Rientrati dalla sveltina, tutti credono che Laurel abbia una tresca con Frank, e nel frattempo Michaela e Asher ne approfittano per ficcanasare fra le faccende di cuore di Oliver, che sta uscendo con un tipo ed è arrivato al fatidico terzo appuntamento.

Il povero Connor, ovviamente, reagisce come fa di solito, con una punta di sarcasmo augura all’ex una buona serata con la nuova fiamma.

Sempre parlando di Frank, Bonnie e Annalise si stanno chiedendo se sia il caso di farlo rintracciare dal padre di Laurel una seconda volta, non essendo a conoscenza del fatto che il sexy ex barbuto è già in città, e ha fatto la prima tappa da Laurel, non da Bonnie. Brutta faccenda…

Il caso sta andando avanti e i ragazzi trovano un potenziale indiziato esterno, qualcuno che ha mandato delle mail compromettenti poco prima che la vecchia signora si ammalasse. Peccato che questo qualcuno è l’amante della figlia Karen, che ha tenuta nascosta la relazione a tutti, inclusi i fratelli, per non essere ostacolata dalla madre.

A fine giornata intanto i nuovi piccioncini si ritrovano a casa di Wes, tra coccole e confessioni notturne.

Piccola digressione romantica sulla tresca: ora, capisco che devono mettere un po’ di fuoco tra Frank, Laurel, Bonnie e allargare questo triangolo a un pentagono, ma proprio con Wes?
Che qualsiasi relazione l’ha bruciata causa omicidio/follia/omicidio/omicidio/?

E queste chiacchiere da adolescenti del tipo “Ti volevo dal primo giorno di scuola”?!?!

Ma dai!
Ok parentesi chiusa.
Eviterò di esprimermi sulla faccenda finché non avrò il quadro completo.

Precipitati nella triste realtà da una chiamata di Connor, i Keating si radunano in casa di Annalise per l’ennesimo problema: il figlio di Mahoney accusato di omicidio (da Frank) ha un alibi.
E Wes ha mentito sul fatto di averlo visto sulla scena del crimine.

E ora?

Una pioggia di insulti terrificanti piovono sulla testa di Annalise, è il turno dei ragazzi di sfogarsi. La più agguerrita è la cara Michaela (questa ragazza mi piace sempre di più, ha guadagnato mille punti dalla scorsa stagione), poi Connor, poi Asher.
Solo Wes se ne sta in silenzio, e questo è sempre un male.

Nel frattempo Oliver e il suo stallone stanno per darci dentro, peccato che il piccolo segreto di Olly mandi all’aria la situazione.

Serata rovinata… Possiamo esultare!

Ogni partita persa dai giocatori esterni alla coppia Coliver è un passo più vicino a rivederli insieme. E infatti, dopo una sbronza mostruosa che si è preso Olly dopo il rifiuto, da chi è andato a farsi consolare? Da Connor, logico.
Una parola di conforto tira l’altra e boom! I vestiti volano per aria!

Stiamo per risolvere il caso della signora Duvall che come una vipera osserva i suoi figli alla sbarra ansiosa di poterli stritolare. Si è tradita per un cavillo e Laurel le fa confessare il fatto di essersi avvelenata da sola, per punire i suoi figli anche a costo della vita. Atteggiamento che Annalise può capire benissimo…

Laurel festeggia la sua vittoria portando tutto il gruppo al bar, mentre vediamo Wes sotto la veranda della prof a parlare con cuore in mano, proprio come si farebbe con una madre.

È proprio questa scena che mi ha lasciato col l’amaro in bocca: come fa Wes a essere così doppiogiochista? Che cosa gli succederà nelle prossime due settimane da farlo impazzire?

Bonnie riceve la visita notturna di un Frank col cuore a pezzi, in cerca di perdono in ginocchio e con le lacrime agli occhi, lei da brava amica lo fa accomodare, sfogare… e poi lo caccia in malo modo da casa sua!! Fantastica ragazza! Non doveva lasciarla sola in quel motel, scelta sbagliata!
Ciao ciao Frank, sei stato superficiale.

E mentre una sbronza Laurel al telefono con Wes gli dà la buonanotte sussurrandogli ti amo, Frank le risponde “really?”, lasciandola di sasso alla vista di quell’uomo tanto aspettato.

Chiudiamo con il flashforward che mi ha fatto quasi venire un infarto. Laurel si è svegliata dal coma, e tenta di chiedere a Maggy dove si trova Wes, credendolo morto nell’incendio.

E invece? Il piccolo demonio è dalla polizia, è lui la fonte chiave anonima che sta testimoniando contro Annalise in cambio dell’immunità!!!

Quindi, tornando alla scena di sole due settimane prima, del portico, che cosa può essere successo di così grave da fargli prendere una decisione del genere?

Domande, domande e ancora domande…
e ce ne saranno molte altre, visto il promo
del prossimo episodio!!!

https://www.youtube.com/watch?v=9t1E06xnchM

 

 

 

LEGGI ANCHE

How To Get Away With Murder ci svela un altro pezzo del puzzle

Recensione delirante della 3×06 di How To Get Away With Murder

How To Get Away With Murder ci tormenta con un’infinità di domande irrisolte 

Written by Francesca Solazzo

Cinema, Serie Tv, Plaid, Caminetto: la mia vita in quattro parole. Annoiata dal logorio della vita moderna, mi rifugio nei classici o nel Fantasy... ma sono quello Urban eh! Per il resto, "giro, vedo gente, mi muovo, conosco, faccio cose…"

sherlock-john-watson

10 momenti in cui abbiamo compatito John Watson

Una serie di sfortunati eventi

Una Serie di Sfortunati Eventi: in arrivo il nuovo show targato Netflix!