in

Le 7 critiche più frequenti fatte a Doctor Who

doctor who

Per molti di noi Doctor Who non è soltanto una Serie Tv. Non dico che sia proprio una religione – sarebbe blasfemo – ma di sicuro è uno stile di vita. Perché noi Whovians siamo fieri di ciò che siamo, siamo fieri di vivere tutte quelle avventure con il Dottore e – ammettiamolo, dai – siamo così persi che non possiamo non sperare di sentire da un momento all’altro il rumore dei freni della TARDIS giù al portone, segno che finalmente il Dottore è venuto a prenderci.

Insomma, aspettiamo il Dottore come a 11 anni aspettavamo la lettera per Hogwarts. Solo che con lui abbiamo ancora qualche speranza. Forse.

Ma, nonostante questo, Doctor Who non è uno show perfetto. Lo so, lo so, questa frase è ancora più blasfema rispetto a quella di prima, ma è la verità e in fondo lo sappiamo tutti. Tanto che sono sorte vere e proprie spaccature nel fandom perché, spesso, siamo proprio noi fan a criticare la nostra tanto amata Serie. E probabilmente lo facciamo proprio perché l’amiamo troppo.

È proprio per questo che ho deciso di scrivere questo articolo. Premetto che con alcune di queste critiche non sono del tutto d’accordo, ma comunque le rispetto.

2) LA PRIMA STAGIONE È TRASH

Doctor Who

La prima stagione di Doctor Who, si sa, viene purtroppo spesso saltata, tanto che abbiamo lanciato l’hasthag #DontSkipNine. Ma il motivo per cui viene saltata non è tanto Nine in sé – perché, davvero, come si può non adorarlo?? – quanto il fatto che sia trash. Personalmente, trovo che questa sia una caratteristica un po’ della gestione di Davies in generale, ma di certo nella prima stagione questo aspetto è più accentuato. Basti pensare a Rose che, nel primo episodio, non si accorge che Mickey è diventato un Ken di plastica.

Certo, probabilmente ciò è dovuto alla pessima qualità degli effetti speciali, che sono poi andati migliorando proprio a partire dalla seconda stagione, per poi elevarsi sempre di più nell’era Moffat. Ma la colpa non è sicuramente di Davies in questo caso, perché quel pover’uomo ha dovuto fare i conti con un budget assolutamente basso per una Serie del genere.

Written by Olimpia Petruzzella

Tra un'indagine con Sherlock Holmes e un viaggio e l'altro col Dottore, sono anche riuscita a laurearmi in Archeologia (River, grazie ancora per quella dritta... e per avermi presentato Euripide!) e fare un master in sceneggiatura alla Silvio D'Amico. Perché siamo tutti storie, alla fine. Ed è meglio farne una buona, no?

Homeland

Homeland, l’ombra di Brody e l’eterno viaggio tra quiete e tempeste

Game of Thrones

Game of Thrones 7×01 – Le pagelle – Pensavo fosse amore, invece era Arya Stark