in ,

Abbiamo visto in anteprima Scatola Nera, la prima crime comedy italiana di Amazon Prime Video

Amazon Prime Video ci ha invitati all’anteprima a Milano di Scatola Nera, la prima crime comedy italiana ad affacciarsi sul catalogo del colosso dell’e-commerce.

Nell’accogliente Sala Ciak del Cinema Anteo abbiamo avuto occasione di visionare due episodi (il primo e il sesto) degli otto che comporranno la prima stagione di questa nuova serie diretta dal giovane Elia Castangia.
Lo stesso ha firmato persino lo script con Roberto Bosatra, Davide Crippa e Alessandro Betti (questo sarà anche il protagonista della serie).
ZEN Europe invece ha curato la produzione.

Cosa tratta però questa nuova serie di Amazon Prime Video tutta italiana?

Lo show parla di un gruppo di attori teatrali che, dovendo preparare un nuovo spettacolo comico, si ritirano in un casolare isolato per le prove ma anche per tentare di solidificare il gruppo.

Tentativo non facile dal momento che, alcuni di loro, porteranno nel casale molte questioni irrisolte legate al passato, ma soprattutto tanti segreti. Il titolo Scatola Nera deriva proprio da questo, come viene spiegato dal regista prima della visione dell’anteprima. Per “scatola nera” gli autori intendono quella parte segreta che ognuno di noi tiene ben nascosta agli altri e ben separata da quella con cui interagisce con il resto del mondo.

Che però, inevitabilmente, prima o poi finisce per emergere.

Ecco dunque che all’interno del casolare, oltre alle prove, vanno in scena le tensioni e i vecchi rancori degli otto protagonisti che non esitano ad attaccarsi e poi a perdonarsi scoprendosi poco alla volta.

I toni crime vengono spesso spezzati, bruscamente e volutamente, da quelli teatralmente comici dello spettacolo che gli attori portano in scena con successo davanti a un pubblico divertito.

Amazon Prime Video scatola nera

Ad accompagnare le tensioni e i nodi emotivi che legano questo gruppo di amici/nemici arrivano le incisive musiche di Sandro Mussida, conosciuto anche come Fitzcarraldo. Le melodie sono capaci di scandire i dialoghi, soprattutto quelli più accesi, tra i commedianti che cercano di prevaricare l’uno sull’altro.

Oltre al lato più psicologico non manca ovviamente quello crime, come già anticipato.

Perché, come in un moderno Cluedo, i protagonisti si troveranno a dover gestire vecchi rancori, potenziati oltretutto dalla competizione e dalla gelosia, i quali porteranno a imprevedibili colpi di scena.

A dare vita agli otto protagonisti vediamo schierato in prima fila il già citato Alessandro Betti, visto su svariati palchi tra cui quello famosissimo di Zelig. L’attore qui presta il volto a Tobia, malinconico e tormentato capogruppo, che cerca un riscatto dal passato in questa nuova opera. Riscatto anche agli occhi di Antonio, interpretato da Antonio Ornano, amico e collega ma anche rivale.

Al loro fianco Marta Zoboli e Marta Dalla Via, rispettivamente Marta e Monica. La prima è un’attrice con atteggiamenti da diva, incapace di accettare che le luci del palco non si accenderanno mai davvero per lei; la seconda, ex fidanzata di Tobia, è totalmente inabile a empatizzare con i suoi colleghi.

amazon prime video scatola nera

Il ruolo degli outsider è affidato invece a Enzo Paci nel ruolo di Enzo, fratello di Antonio, una sorta di bambino problematico che potrebbe nascondere un lato oscuro, e alla bella Valentina (Ilaria Serantoni) tormentata e irascibile, quella con un conto in sospeso da far pagare.

Completano il resto del cast Luca Cesa, anche lui nel ruolo di un omonimo, belloccio strappalike uscito da YouTube e Marial Bajma Riva nei panni di Chiara, apparentemente la più docile e innocua di tutti.

L’appuntamento è su Amazon Prime Video, il 25 novembre, con Scatola Nera!

Per non perdervi nemmeno un episodio, è il momento di approfittare dell’ultima imperdibile offerta di Amazon Prime Video pensata per chi possiede un’e-mail universitaria: Amazon Prime Student.
Comincia subito i tuoi tre mesi di prova gratuiti!

LEGGI ANCHE – Amazon Prime Video: 15 grandi Serie Tv che non avevi idea fossero sul catalogo

Netflix e Nickelodeon firmano l’accordo: lo spin-off di Spongebob è solo l’inizio

The End of the F***ing World: il miglior episodio della seconda stagione