in ,

#VenerdìVintage – 10 motivi per cui ci manca Smallville

smallville
smallville

Somebody save meeeeeeeeeeeee… 
Questa sigla invadeva l’intera nostra dimora quando in televisione cominciava Smallville. Era una sorta di evento, un fenomeno che doveva essere visto in silenzio, con gli occhi e le orecchie ben aperti.
Per dieci stagioni siamo stati i fedeli accompagnatori di Clark e del suo team, sempre a difesa dell’umanità, anche a costo di perdere la vita.

Smallville è stato il pilastro della nostra infanzia, una serie Tv inimitabile e spettacolare come poche. Ora come ora, nell’era di Netflix e del boom seriale, siamo attratti da molte serie Tv, ma questa rimarrà sempre una delle migliori di tutti i tempi!

Tom Welling, Kristin Kreuk, Michael Rosembaum… hanno cominciato a varcare la soglia della popolarità con questa serie Tv. Non potevano avere esordio migliore.
Sono passati già cinque anni dalla fine di Smallville e a volte vorremmo solo tornare indietro e rivivere quei momenti così magici davanti al televisore sognando di volare, proprio come Superman.

Abbiamo amato Smallville per ogni singolo dettaglio, personaggio e ambientazione, ma questi dieci motivi sono forse, i principali.

-E’ UNICA NEL SUO GENERE

Smallville Clark superman


Di serie incentrate sui supereroi nel 2001 se ne erano viste poche e Smallville è entrato sulla scena in maniera dirompente e sconvolgente. Ci ha trasportato in un altro mondo e ci ha insegnato a guardare ed analizzare le situazioni da più prospettive, essendo sempre consapevoli della non esistenza di una verità assoluta.
Siamo stati affascinati dall’idea di un supereroe che vegliasse su di noi come un angelo custode, che si prendesse cura di noi nel buio della notte, che ci proteggesse con i suoi poteri e la sua destrezza. Vederlo uscire allo scoperto, poter entrare nella sua vita e poter essere testimoni della sua esistenza e delle sue esperienze è stato gradevole ed eccitante.

Written by Alana Santostefano

Si fa fatica a vivere la realtà quando si è capaci di sognare, si è così tanto legati all'astratto che si pensa di dover costruire cose assurde nel presente dell'esistenza unicamente per convincersi di essere vivi.
Sono una sognatrice, una di quelle che si guarda attorno e immagina un'altra vita, una di quelle che non vede l'ora di andare in un posto chiamato 'se stessi' per poter guardare lontano e immaginarsi coperti di nuvole a volare sul tempo.

#‎VenerdìVintage‬ – Le 20 puntate di Dawson’s Creek che ti faranno venire voglia di riguardarlo tutto

Bagno di sangue da parte di ABC, CBS, CW e Fox: tutte le ultime cancellazioni