Vai al contenuto
Home » Stranger Things » Stranger Things: il ruolo di Bob era stato pensato diversamente (SPOILER)

Stranger Things: il ruolo di Bob era stato pensato diversamente (SPOILER)

Stranger Things: la storyline di Bob avrebbe dovuto essere diversa

Mettiamo le mani avanti: se non avete ancora visto o finito la seconda stagione di Stranger Things, non vi conviene proseguire nella lettura.

Indiscutibilmente una delle scene più difficili da dimenticare della seconda stagione resterà la morte di Bob, interpretato da Sean Astin (già visto ne I Goonies e Il signore degli anelli).

Un gesto eroico il suo che lo ha purtroppo portato ad una prematura fine garantendo però la salvezza a Joyce (Winona Ryder) ed ai giovani protagonisti.

Stando a quanto riportano però i fratelli Duffer, la permanenza di Bob nella terza stagione di Stranger Things avrebbe dovuto essere molto più breve.

Di seguito le loro parole:

“Avrebbe dovuto morire attorno al quarto episodio. Abbiamo continuato a posticiparla perché ci piaceva molto il personaggio, e ha iniziato a diventare importante per la trama. Continuavamo a rimandarla, finché non siamo arrivati al punto in cui sarebbe accaduta, nell’ottavo episodio.”

Insomma, il personaggio di Bob è piaciuto così tanto che perfino gli sceneggiatori della serie si sono trovati in difficoltà al momento di doverlo ‘farlo fuori’!

“Quindi l’abbiamo scritta, e io ho avuto un piccolo crollo. È stato sgradevole scriverla. Ho provato un sincero dolore e pensavo, ‘non è giusto, non voglio perdere questo personaggio, non voglio perdere Sean’.” 

Stando a quanto riportano i registi, sembra che Sean abbia fatto un tentativo per salvare le sorti del suo personaggio ma che i fratelli Duffer, seppur a malincuore, avessero ormai deciso che per Bob non c’era spazio nella terza stagione.

Destinato al tragico epilogo del suo personaggio, Sean ha allora espressamente richiesto che la fine di Bob fosse il più cruenta possibile. Direi che è stato accontentato eccome!

Di seguito le parole di Ross Duffer:

 “Per i canoni di Stranger Things, si tratta di una morte davvero brutale, ed è il risultato del fatto che Sean non voleva che nascondessimo nulla, che la mostrassimo nella sua totalità.”

Purtroppo per noi (e per Bob) non rivedremo più il suo personaggio nella prossima stagione.

Non ci resta che aspettare cosa avranno in serbo per noi i fratelli Duffer per la terza stagione di Stranger Things!

LEGGI ANCHE: La terza stagione di StrangerThings sarà molto diversa dalle altre