in

La classifica delle 10 Serie Tv con la regia più brillante in assoluto

La regia nei film e nelle serie tv talvolta racconta la storia più di mille battute. Non si tratta solo di riprendere la scena in questione, ma di consegnare quel non detto che serve allo spettatore per comprendere meglio anche la mente dei personaggi. Pensiamo ad esempio alla tecnica di ripresa conosciuta come angolo olandese. Essa prevede l’inclinazione della telecamera in modo tale che l’orizzonte risulti in diagonale rispetto ai bordi dell’immagine, in questo modo il personaggio apparirà distorto. Tale distorsione è fondamentale per raccontare una situazione di disagio, di squilibrio psicologico che il protagonista della storia sta affrontando.

Capiamo dunque quanto un’ottima regia sia necessaria alla buona riuscita di un prodotto televisivo e non più solo cinematografico. Le serie in classifica sono infatti la prova di questo miglioramento

10) Hannibal

Serie Tv

Hannibal è un crescendo di emozioni che indagano il complesso rapporto tra bene e male, ragione e pazzia. La serie thriller-psicologica sviluppata da Bryan Fuller ha portato sulla scena le menti controverse di due protagonisti che si fanno amare e odiare. La regia, affidata ad Adam Kane, coglie il fulcro su cui si fonda la storia: il dettaglio.

Dettaglio è infatti anche il nome della tecnica di ripresa più usata nelle stagioni, poiché essa concentra l’attenzione della telecamera su un unico oggetto o su un’unica azione compiuta dal personaggio. Chiaro esempio di questa tecnica sono le scene in cui Hannibal Lecter sceglie la ricetta del giorno, oppure quando taglia e sfiletta le sue vittime. Si insiste quindi sul particolare per raccontare l’eleganza e la minuzia adottate dall’assassino per rappresentare la visione che egli ha dell’omicidio. Per Hannibal è un rito.

Written by Anastasia Gervasi

Amo leggere e, anche se sono consapevole di non poter superare il record di libri letti da Rory Gilmore (qualcuno può?), sono certa di aver visto più serie tv di lei. Sin da bambina ho sempre amato le storie (okay forse quelle horror un po' meno) e ho sempre voluto parlarne, specialmente dopo averle conosciute grazie a serie tv avvincenti e ricche di feels e angst. Sono cresciuta con i telefilm di Buffy e FRIENDS e ho capito che, come gli amici di tutti i giorni, anche loro sono dei buoni compagni di vita. Ho incontrato personaggi che mi hanno ispirata e mi hanno spinta a migliorare come persona, trasmettendomi anche una carica di adrenalina pazzesca. Sono storie che ti portano ad imboccare una strada, in parte, ancora sconosciuta. Io spero che la mia sia tanto bella, avvincente e avventurosa quanto quella delle mille storie che ho letto e visto in questi anni. Per il resto mi affiderò al Carpe diem di Orazio.

Dopo Westworld, HBO sta riadattando un altro romanzo di Michael Crichton: arriva Sphere!

5 momenti di La Casa de Papel che vorremmo cancellare dalla nostra memoria