Vai al contenuto
Serie TV - Hall of Series » Scissione » 10 dettagli maniacali che dimostrano ancora una volta quanto sia straordinaria Scissione

10 dettagli maniacali che dimostrano ancora una volta quanto sia straordinaria Scissione

Il thriller distopico di Apple Tv Scissione si è imposto fin da subito tra le migliori produzioni televisive del 2022, soprattutto grazie alla sua ineccepibile qualità, resa evidente dalla maniacale attenzione riservata a ogni singolo dettaglio. Dalla scrittura dei personaggi alla colonna sonora, passando poi per la sigla, nulla in Scissione sembra essere lasciato al caso, accrescendo tanto la morbosa curiosità quanto l’inquietante senso di alienazione che pervade lo spettatore nel corso della vicenda.

A riprova della sua singolare eccezionalità, quelli elencati di seguito sono i 10 dettagli maniacali che dimostrano quanto questa serie tv sia straordinaria.

1) La metafora della scissione

Scissione
Scissione (640×360)

L’universo distopico di Scissione non si limita alla sola separazione tra vita lavorativa e vita privata dei dipendenti della Lumon. È infatti possibile scorgere tanti piccoli dettagli che dimostrano quanto la divisione in due parti sia ben più estesa di ciò che crediamo.

Per accentuare questa dicotomia, vengono continuamente contrapposti due colori dominanti nella fotografia della serie: il rosso e il blu. Come possiamo osservare dal primo fotogramma, nel parcheggio della Lumon sono presenti un’automobile rossa in alto a sinistra e una blu in basso a destra, separate nettamente fra loro da una striscia di neve. Anche l’acquario a casa di Mark (Adam Scott) contiene due pesci, uno rosso e uno blu, separati senza possibilità di contatto da un divisorio, probabilmente per evitare che si attacchino a vicenda. Un dettaglio interessante è il fatto che i pesci siano animali noti proprio per la loro memoria corta, limitata a trattenere informazioni solo per pochi secondi. Il contrasto tra rosso e blu non è nuovo nel mondo cinematografico, e rimanda a immagini quali la “pillola rossa o la pillola blu” di Matrix o ad Alice nel paese delle meraviglie, rimarcando la metafora della separazione tra il mondo reale e quello illusorio.

2) La vernice nera

scissione
Scissione (640×360)

Nel secondo episodio di Scissione c’è un momento molto particolare in cui, sulla scrivania di Irving (John Turturro), comincia a colare della vernice nera. Scopriremo che questa visione altro non è che un sogno del dipendente, addormentatosi per pochi minuti.

Il ritrovamento di quella stessa vernice sotto le sue unghie non potrebbe dunque essere ricondotto a quell’evento specifico, poiché non è realmente avvenuto. Questa strana coincidenza trova infatti risposta solo nel finale di stagione della serie, in cui cominciano a emergere diversi dettagli sull’esterno di Irving, tra cui il fatto che l’uomo sia solito dipingere dei macabri quadri proprio con la vernice nera. In più di un dipinto viene raffigurato un lungo corridoio, alla fine del quale si trova un’ascensore che va solo verso il basso. Se la vernice rappresenta quindi la parte del suo mondo esterno che irrompe all’interno dell’azienda, l’ascensore dei dipinti è una metafora dell’inferno, presente in più di un’occasione nel corso dei 9 episodi da cui è composta la serie di Apple Tv.

3) La metafora dell’Inferno

hell
Scissione (640×360)

Come accennato in precedenza, non mancano i momenti in cui si allude alla natura infernale della misteriosa azienda Lumon, all’interno della quale i dipendenti vivono intrappolati in un loop temporale che gli impedisce di ricordare qualunque dettaglio della propria vita privata.

Per rimarcare l’inquietudine derivata da questa condizione di scissione, in diversi momenti vediamo formarsi casualmente la scritta Hell (inferno) tra le mura degli uffici, in particolare nel primo e nell’ultimo episodio della serie.

Nel primo caso, lo striscione di benvenuto “Hello Helly” diventa “Hello Hell” per un gioco prospettico a cui dà vita proprio la nuova dipendente, che si ripresenta anche nella conferenza aziendale del finale di stagione. Il concetto è inoltre rafforzato dal nome stesso dell’episodio pilota: “Good news from Hell ” (Buone notizie dall’Inferno).

4) Senza via d’uscita

esc
Scissione (640×360)

Tra i maniacali dettagli che fanno la differenza in Scissione potrebbe esservi sfuggito un macabro e inquietante particolare. Gli obsoleti congegni elettronici – forse volutamente vecchi per evitare attacchi hacker dall’esterno? – come i datati computer presenti nel dipartimento di Macro Data Refinement, sono composti da una tastiera in apparenza normale ma a cui manca proprio un unico tasto in particolare: Esc.

Ciò che emerge in modo sempre più chiaro è che, alla Lumon, non c’è alcuna via d’uscita.

5) “Cosa c’è per cena?”

scissione
Scissione (640×360)

Un altro misterioso dettaglio che emerge dai primi episodi di Scissione è rappresentato da questa stranissima coincidenza.

Dopo che Mark viene ferito a un sopracciglio nel corso della sua giornata di lavoro, la Lumon regala al suo dipendente una cena presso il dinerPip’s” in segno di risarcimento. Con il passare degli episodi, veniamo man mano a conoscenza di quelli che sono stati i fondatori dell’azienda; tra questi si scorge proprio il nome di un certo Phillip “Pip” Eagan, creando un primo collegamento tra il CEO e il ristorante mostratoci all’inizio della vicenda. Ad accrescere il mistero che lega gli amministratori delegati della Lumon ai vari locali della città è però la frase pronunciata da Irving entrando in ufficio: “What’s for dinner?” (Cosa c’è per cena?). Questa frase specifica, che è anche il nome dell’ottavo e penultimo episodio, viene inoltre ripetuta da Irving un istante prima di attuare il grande piano di risveglio all’esterno della Lumon, in cui esclamerà rivolgendosi a Mark e Helly: “Ok, let’s find out what’s for dinner”.

6) The Four Tempers (dipinto) e il Waffle Party

the four tempers
Scissione (640×360)

Tra i precetti più importanti della filosofia di Kier Eagan – il fondatore della Lumon – c’è la teoria dei quattro temperamenti, secondo cui “il carattere di ogni uomo è definito in base al rapporto preciso dei temperamenti” . Questi sono raffigurati nel dipinto The Four Tempers affisso nella sala Wellness dell’edificio, e sono il dolore (woe), la gioia (frolic), la paura (dread) e la tristezza (malice). Gli strani personaggi del dipinto sono gli stessi protagonisti dell’inquietante balletto eseguito per Dylan (Zach Cherry) a seguito del Waffle Party. Questo dettaglio sottolinea dunque l’implicita importanza della teoria dei quattro temperamenti nell’universo distopico di Scissione, come avremo conferma nel prossimo punto.

7) I quattro temperamenti di Kier

scissione
Scissione (640×360)

Il lavoro pratico eseguito dai dipendenti del dipartimento di Macro Data Refinement è limitato al raggruppamento di numeri in base a criteri ignoti agli stessi lavoratori. Secondo alcune teorie emerse su Reddit, questa strana catalogazione non sarebbe una semplice archiviazione di dati ma piuttosto un apprendimento automatico (sistema alla base dell’intelligenza artificiale, attraverso cui i computer sono in grado di elaborare le informazioni). Osservando l’immagine qui riportata dello schermo del computer di Mark, da una delle cartelle in cui vengono inseriti i dati compaiono quattro barre di avanzamento denominate WO, FC, DR, MA, abbreviazioni di quelli che abbiamo visto essere proprio i quattro temperamenti woe, frolic, dread e malice. I dati che vengono codificati dalla Lumon potrebbero dunque essere proprio questi specifici sentimenti dell’uomo e, ancor più nel dettaglio, le cause che generano il prevalere di uno o dell’altro.

8) Notizie dall’esterno

radar
Scissione (640×360)

Nel secondo episodio, Half Loop, Irving viene a conoscenza di alcune informazioni sulla vita del suo esterno nel corso di una seduta di benessere con Ms. Casey (Dichen Lachman). Tra le varie curiosità di cui sarà messo al corrente dalla donna, ce n’è una in particolare che dimostra unicamente l’attenzione ai dettagli della sorprendente serie Apple.

Ms. Casey spiega a Irving che “al suo esterno piace il rumore dei radar”. La strana affermazione apparentemente senza logica trova risposta in uno dei rari momenti in cui vediamo Irving all’esterno della Lumon, dove il nostro è in compagnia del suo cane Radar.

9) Il sonno di Ms. Casey

ms casey
Scissione (640×360)
Il più sensazionale colpo di scena di Scissione è il momento in cui veniamo a conoscenza dell’identità di Ms. Casey e del suo rapporto con Mark.

Ciò che rende la scoperta ancor più sconvolgente è il fatto che tutti, Mark compreso, credessero la donna morta. Tuttavia, uno specifico dettaglio potrebbe darci qualche risposta sulle sorti della moglie del protagonista; quando Ms. Casey è chiamata a sorvegliare Helly affinché non scappi, la donna dirà che quello in cui ha ricoperto quella mansione è stato l’arco di tempo più lungo che ha trascorso sveglia. Questo dettaglio potrebbe indicare che la sua esterna si trovi a sua volta in una condizione di sonno profondo, come in uno stato di coma.

10) Un mondo nuovo

scissione
Scissione (640×360)

Dov’è ambientata la vicenda? Questa semplice domanda non ha una risposta, e un singolo e minuscolo dettaglio potrebbe rovesciare totalmente tutte le convinzioni che abbiamo creduto ovvie finora. Come si evince da questo fotogramma, in cui è riportato l’indirizzo di Irving, il paese a cui è indirizzata la posta è indicato con la sigla PE. Tuttavia, nessun paese in America ha quella sigla. Questo dettaglio mette in tavola una nuova teoria, secondo la quale quella di Scissione sarebbe una realtà parallela simile a quelle rappresentate da altri prodotti televisivi come Wayward Pines o Westworld.