in

Borat 2: la causa contro il film è stata ufficialmente archiviata

L’ultimo film di Sacha Baron Cohen, il sequel di Borat, ha già avuto la sua parte di controversie.
Secondo quanto riferito, la star di Borat è stata redarguito dalla polizia novantadue volte durante le riprese del film nel 2006, e nei mesi successivi all’uscita del film sono state intentate numerose cause legali. Per la maggior parte, la vasta esperienza di Cohen con ciò che può e non può farla franca legalmente durante le riprese è ben nota, e le cause contro di lui in genere non prevalgono. Tuttavia, spesso questo non ferma i tentativi opportunistici di liquidazione in contanti da parte di partecipanti scontenti.

Con il recente rilascio di Borat 2, una causa legale era già stata intentata da Judith Dim Evans, sopravvissuta all’Olocausto, secondo la quale l’anziana donna non sapeva che il suo coinvolgimento nel film sarebbe stato una versione comica e che non aveva dato il suo consenso per apparire nel popolare sequel.

Borat

Deadline ha riferito che la causa è stata ufficialmente archiviata nei tribunali della Georgia. Mentre la tenuta di Evans ha affermato che la scena in cui è apparsa è stata fatta per “deridere l’Olocausto e la cultura ebraica“, Russell Smith, che ha rappresentato Amazon nel procedimento, ha affermato che il caso è stato archiviato incondizionatamente.
L’anziana donna è deceduta prima che il film fosse rilasciato, e come tributo alla sopravvissuta dell’Olocausto, Cohen le ha dedicato il film. Secondo quanto riferito, il regista aveva detto in anticipo a Evans che era ebreo e che le scene che avrebbero condiviso sarebbero state usate per educare gli spettatori sulla negazione dell’Olocausto. Ciò non ha impedito che la causa si svolgesse in seguito, ma secondo Smith:

La causa è stata archiviata, incondizionatamente. La causa è finita. Sacha Baron Cohen è stato profondamente grato per l’opportunità di lavorare con Judith Dim Evans, la cui compassione e coraggio come sopravvissuta all’Olocausto ha toccato il cuore di milioni di persone che hanno visto il film. La vita di Judith è un potente rimprovero a coloro che negano l’Olocausto, e con questo film e il suo attivismo, Sacha Baron Cohen continuerà la sua difesa per combattere la negazione dell’Olocausto in tutto il mondo.

In questa fase della carriera di Cohen, intentare una causa contro uno dei suoi film e sperare di vincere è una prospettiva estremamente improbabile. Sia il regista che il suo team legale sono inevitabilmente diventati abili nel prevedere ogni possibile punto debole e giocare d’anticipo. In questo caso particolare, basta una sola visione del sequel per vedere che né l’Olocausto né la cultura ebraica vengono derisi. Solo l’ignoranza viene presa in giro. Di conseguenza, l’accettazione di Borat dei suoi nuovi amici ebrei finisce sorprendentemente per essere uno dei momenti più emozionanti del film.

LEGGI ANCHE: Amazon Prime Video: tutte le novità in arrivo fino a fine mese (26 ottobre – 31 ottobre)

Written by Silvia Nunnari

Ho deciso che fra una serie televisiva ed un'altra, sorseggiando vino con Cercei Lannister ed Olivia Pope, di riempire il web con la mia scrittura.

Stranger Things 4 – Le foto dal set rivelano un nuovo attore: è Levon Hawke, fratello di Maya!