in

How to Get Away with Decameron – Capitolo II

Decameron

Nella precedente novella di How To Get Away With Decameron:

Orsù, amici cari,
stiam per inoltrare nostre membra e nostri futili corpi in ultraterreno viaggio.

-Si Sommo Maestro Boccaccio.

A causa della mia prematura dipartita, che da un paio di secoli mi tiene lontano dalla Terra, benché son comunque certo che mi reincarnerò presto in Fabio Volo, ho smesso di riportare in parole miei pensieri. Ecco, ho cominciato ad aver bisogno di un ghostwriter.

Ad ogni modo, ho deciso di abbracciare la contemporaneità e cominciare a discorrere di romanzi animati a puntate.

“Salve Frank, sono A…”

“Chi sei?”

“Perché ti sei tagliato i capelli?! Non potevi usare un berretto per evitare che qualcuno ti riconoscesse? O perché non farti semplicemente crescere la barba all’infinito e tingerla di grigio brizzolato TIPO ALBUS SILENTE?!”

“Avevo bisogno di un cambiamento, di un totale cambiamento.
Tra un paio di capitoli incontrerai Annalise. Dille che nonostante tutto quello che è accaduto non avrei mai voluto che andasse a finire così.”

Maestro, sono pronta per una nuova novella. Ho messo a scaldare il suo solito tè, ma siamo già in ritardo.
Maestroo?!
Ma dov’è?
E adesso dove lo ritrovo?!

-Ehmm, chiedo venia gentil donna, ho udito chiamare l’maestro e nel mi’ petto arde d’improvviso una passata emozione, son’io l’messere che cerca?

-Mi scusi messere per la mia indiscreta domanda, ma lei chi è?

Io son Alighieri Dante, nato dalla lingua, il non-bruciato, nato dai drag… dalla poesia e padre della poesia, messere della casata de’ guelfi, fiorentino di nascita ma non di costumi.

-Oh mio… non ci credo! S-st-s…sto parlando con Dante? Quel Dante?

-Io non comprendo gentil donna cotanta sua sorpresa. L’chi io dovrei esser, se non Dante, l’sommo poeta fiorentino, nato dalla lingua, il non-bruciato, nato dall…

-Sisi, credo di aver capito Maestro.
Mi scusi Maestro, non faccia caso alla mia impertinenza, non avrei mai creduto di poter conversare con lei. Per me è un grandissimo onore.

-S’i’ ben la parola sua ho intesa, gentil donna, lei ricercava altro messere.

Mi spiace rubarle tempo Sommo Poeta Dante, stavo cercando il Sommo Maestro Boccaccio, ha presente? Si trova lì, nel Paradiso dei Poeti di cui, a quanto ho capito, lei è reggente.
Ho l’incombente necessità di rintracciarlo per poter scrivere la seconda novella della nostra nuova versione del Decamerone.

-Comprendo sue intenzioni cortese donna, l’magnanimo maestro ha scordato sua sonante scatola qui, nel mio umile regno del Paradiso dei Poeti e… ho risposto io.

-Mio Maestro, per sonante scatola intende un telefono?
Comunque, posso chiederle come si sta, lì nel Paradiso dei Poeti?
E dove cavolo potrà mai essere il Maestro Boccaccio?!

-Sommo Maestro Boccaccio!

giovanni-boccaccio-how-to-get-away-with-murder


How To Get Away With Decameron – Capitolo II – Boccaccio

Maestro! Ma dov’era? La stavo cercando! Dobbiamo cominciare!

L’maestro tuo assenta se stesso per breve tempo e tu rimpiazzi sua somma figura con… que l’fumato guelfo?
Perdono de’ tua impertinenza, ma cominciamo, siam già in gran ritardo.

-Va beh, adesso è pure colpa mia!
E poi, perché ce l’ha così tanto con Dante??

Da un paio di giorni vago fuori dall’hotel dove ho incontrato Frank, riflettendo su quello che mi ha detto. Cosa intendeva con quelle parole? Come fa a sapere che incontrerò Annalise?

-Perdonami figliuola, dimenticavo che l’messere Giotto continua a illustrare vicende su’ protagonisti de’ nostre novelle…

Decameron
How To Get Away With Decameron – Capitolo II

Durante una di queste riflessioni che mi sento chiamare.

“Scusi!
Salve, ha visto uscire da qui un uomo? Bianco, sui 40.”

“Ciao Laurel, sono A…”

“Scusami, non vorrei essere scortese, ma avrei molta fretta. Ha visto quest’uomo uscire da qui?”

“Si, l’ho visto. In realtà Laurel ho parlato con lui un paio di giorni fa, ma non mi ha dedicato molto tempo, aveva molto da fare.”

“Hai parlato con lui? Posso chiederti cosa ti ha detto?
E come fai a conoscermi?”

“Beh, sei una delle protagoniste di una conosciutissima Serie Tv, potrei dire che non sei proprio invisibile. Comunque, Frank è stato sorprendentemente molto riflessivo, mi ha chiesto di parlare con Annalise e di riferirle alcune cose.”

“Capisco. Sai dove posso trovarlo?”

“No, non direi. Ma possiamo andare a cercarlo insieme, così mentre lo cerchiamo potrai raccontarmi qualcosa di te.”

“Va bene, devi sapere che però ho veramente tantissime cose da fare, dovrai avere un po’ di pazienza.”

“Non c’è problema, parlo con Boccaccio, di pazienza ne ho da vendere.”

-Ma quando imparerai?! Sommo Maestro Boccaccio!

“Cosa vorresti sapere di me?”

“Qualcosa di personale, qualcosa che non sa nessuno.”

“E perché dovrei raccontarti cose del genere?”

“Perché sono simpatica?”

“Ahahahah, andiamo. Dobbiamo trovare Frank!”

Sulle note di Piece of My Heart che risuona nell’auto di Laurel cerco di rompere il ghiaccio.

“Come va in ambito sentimentale?”

“Sai, sono abbastanza confusa. È un disastro. Non so come spiegarlo se non con queste parole.
Non credevo che dopo tutto quello che ci è capitato sarei stata ancora in grado di amare. Insomma, non è proprio la prima cosa a cui pensi quando sei coinvolta in quello in cui siamo coinvolti noi.
Eppure, è come se tutte le cose brutte che abbiamo vissuto fossero diventate uno scenario normale e noi dovessimo vivere senza preoccupazioni o rimorsi. È questo che mi fa più paura, che tutto questo diventi normalità.
Comincio a pensare a noi come a dei mostri. Ma oramai cosa possiamo fare? Sarà questo il nostro destino, continuare a tormentarci pensando a come sarebbe potuta andare?

“Forse è così che sarebbe dovuta andare ed in nessun altro modo. E la sola cosa che vi permetterà di sopravvivere sarà la normalità di cui parli. Non è così sbagliato che la vostra situazione si trasformi in qualcosa di normale… credo.”

“E se non fosse giusto? Se ci meritassimo realmente tutto questo? Voglio dire, meriteremmo la prigione.”

“Credo che i sensi di colpa bastino come punizione.”

“Forse hai ragione.”

Dove stiamo andando?

A prendere una persona.”

“Ma non mi dire… lui!”

“Perspicace!”

Anticipazioni prossima puntata de’ How to Get Away with Decameron:

le cose cominciano a farsi piccanti e la tensione è difficile da controllare.
Riusciremo a capire anche qualcosina in più sulla conquista del trono da parte del sommo Dante Alighieri.
Ed infine, incontreremo un personaggio inaspettato che ci accompagnerà per tutto il viaggio con le sue dolci e soavi note.

-Maestro, è intervenuto solo una volta, mi sorprende…

-Ti lascio lavorare figliuola, ma sono proprio curioso di sapere chi incontreremo nella prossima punt… novella di How To Get Away With Decameron!

Leggi anche – How To Get Away With Murder

Written by Alana Santostefano

Si fa fatica a vivere la realtà quando si è capaci di sognare, si è così tanto legati all'astratto che si pensa di dover costruire cose assurde nel presente dell'esistenza unicamente per convincersi di essere vivi.
Sono una sognatrice, una di quelle che si guarda attorno e immagina un'altra vita, una di quelle che non vede l'ora di andare in un posto chiamato 'se stessi' per poter guardare lontano e immaginarsi coperti di nuvole a volare sul tempo.

Khal Drogo e Daenerys Game of Thrones

10 metodi infallibili per conquistare un ragazzo che guarda Game of Thrones

Quinta stagione di House of Cards: cosa dobbiamo aspettarci