in

You, Me and The Apocalypse – L’estinzione come non l’avete mai vista

Inizio subito con un avviso: se fate parte di quel gruppo di persone che non vuole sapere nulla di ciò che succederà in una serie, non iniziate nemmeno You, Me and The Apocalypse. Se invece vi interessa il processo che porta ad un certo punto, se siete legati a serie divertenti ma che sanno anche prendere un momento per riflettere, se non siete ancora esausti delle serie che parlano della fine del mondo, allora questa commedia/dramma fa per voi.

Sia che l’avete già, vista ché la dobbiate ancora vedere, non è realmente una sorpresa sapere che You, Me and The Apocalypse inizia con il finale. Infatti si apre con la meteora che s’approccia all’atmosfera terrestre ed il mondo che la guarda facendo un ultimo festone, in spiaggia, in montagna, in Asia o in America…. oppure in un bunker sotterraneo, in Slough, Inghilterra, in diretta televisiva. Qui infatti abbiamo una prima occhiata dei protagonisti che poi conosceremo tramite diverse story-lines che apparentemente non hanno nulla a che fare l’una con l’altra, se non illustrare diversi modi in cui l’umanità reagisce alla notizia di morte certa. Infatti dall’ora X della fine del mondo, You, Me and The Apocalypse ci porta indietro di 34 giorni così da guidarci a capire come i personaggi sono arrivati dove sono.mathew baynton You, Me and The Apocalypse

Allora conosciamo Jamie (interpretato da Mathew Baynton, The Wrong Mans per intendersi), un normale impiegato bancario che da sette anni aspetta il ritorno della moglie scomparsa. Quando scopre che il mondo sta per finire, che è poi subito prima di sapere di essere adottato, decide di partire insieme all’amico Dave (Joel Fry) in cerca della moglie Layla (Karla Crome, Under the Dome, Misfits). Da quando lei è sparita Jamie ha assunto una rigida routine per sentirsi al sicuro, contrapposta e a cui spesso si oppone esplicitamente l’amico Dave attraverso il suo carattere spontaneo e che verrà decisamente sconvolta dalla fine del mondo – momento in cui lui riscoprirà il suo coraggio e spirito d’iniziativa. Anche la madre adottiva di Jamie, Paula (Pauline Quirke, anche Susan Wright, inquietante personaggio di Broadchurch) avrà un ruolo più marcato verso fine stagione.

You, Me and The Apocalypse Pauline_Quirke

Mathew Baynton interpreta, oltre a Jamie, anche il suo segreto gemello Ariel, un hacker conosciuto come White Horse leader dell’organizzazione Deus Ex Machina, un gruppo di cyber terroristi. Questo personaggio particolare è tutto il contrario di Jamie: mentre l’impiegato ha vissuto la sua vita in una piccola periferia in maniera del tutto onesta e persino ingenua, il fratello ha passato la vita a tramare e scovare complotti e volendosi distanziare dalle altre persone, cosa accentuata anche visivamente dalla sua germofobia.

Nel frattempo in New Mexico la bibliotecaria Rhonda (Jenna Fischer, The Office e Six Feet Under) viene arrestata per crimini di cyberterrorismo ma è evidentemente incapace di aver portato a termine un’impresa del genere. Viene messa in galera e qui incontra Leanne, (niente poco di meno che Megan Mullally, Karen di Will e Grace e molto altro) una biondissima carcerata con una svastica tatuata in fronte. Queste attraverso una serie di strani eventi si ritroveranno compagne di avventura, influenzandosi l’una con l’altra.leanna You, Me and The Apocalypse

Rhonda ha un fratello che contatterà in cerca di assistenza, Scotty McNeil, un burocrate del governo degli Stati Uniti impegnato a cercare un modo di salvare il mondo insieme al marito il generale Arnold Gaines. You, Me and The Apocalypse scottQuesti ci trasportano in una story-line più globale, in cui dovranno convincere il governo a cooperare con gli storici alleati e nemici, per avere una possibilità di salvare l’umanità intera.

You, Me and The Apocalypse celine

Un’altra affascinante trama è quella di Padre Jude e Sorella Celine, una suora italiana – e anche l’attrice (Gaia Scodellaro) è del nostro paese, per darci un po’ di pace dal sentire attori americani cercare di parlare la nostra lingua, facendoci stare più attenti ai sottotitoli rispetto a quando parlano inglese. Padre Jude trova in Celine un’assistente scettica e con carattere, come d’altronde è anche lui stesso. You, Me and The Apocalypse robLui è letteralmente l’avvocato del diavolo ed in quanto tale deve accertare che i nominati santi siano a tutti gli effetti tali e, ora che la fine è prossima, smascherare i falsi profeti. Padre Jude-Giuda è interpretato da Rob Lowe, e già questo basterebbe per renderlo affascinante, ma You, Me and The Apocalypse ha voluto puntare più in alto a partire dalla sua entrata in scena.

Ha un atteggiamento già di base sboccato e poco rispettoso verso il prossimo che su un prete diventa qualcosa di profano ed allo stesso tempo molto divertente, oltre a questo ostenta un’aria da cinico fumando sigarette in continuazione ed usando l’acquasantiera come posacenere. In fondo in fondo però è un personaggio molto moralista.

“Do you have doubts, celine, about your faith?” “yes” “good, there’s no faith without doubt”

Alla fine Celine decide di aiutarlo a sventare i falsi profeti che spuntano come funghi alla vigilia dell’Apocalisse, una dei quali è una bambina di sei anni vestita da giraffa!You, Me and The Apocalypse

Già dal cast assurdo in ruoli ancora più impensabili, avrete capito il tono di questo telefilm. In caso contrario vi dico che farà una sua comparsa Nick Offerman (oltretutto marito di Mullally) come Buddy, un serioso uomo che ama vestirsi da donna!

You, Me and The Apocalypse è una serie che il creatore Iain Hollands ha reso drammatica e comica allo stesso tempo. L’umorismo e le provocazioni che vengono fatte in questo telefilm non sono banali e sono pensate in maniera intelligente, è una commedia sofisticata. Questi momenti sono alternati da scene di un tono tutt’altro che allegro con colpi di scena inaspettati. Al di là delle singole storie, c’è sempre questa strana realtà di un’attesa più o meno passiva della fine del mondo, palesata ulteriormente dalle varie reazioni dell’umanità in questa nuova quotidianità.

Anche se a volte tende al no-sense è comunque una serie audace. Ci sono veramente molti ingredienti in You, Me and The Apocalypse, il tutto condito con numerosi riferimenti religiosi (ad esempio il cavallo bianco), al di là di quelli ovvi della story-line di Jude e Celine in cui devono trovare il secondo Messia.

Insomma sono stati in grado di rendere spassosa l’estinzione umana, di rivelare il finale (che comunque riuscirà ad essere un colpo di scena) senza rovinare il processo e di fare qualcosa di completamente diverso, e questo è decisamente degno di merito!

Written by Sara Fattori

Ho un serio problema di dipendenza dalle serie tv.. come se non bastasse la mia formazione sociologica mi porta ad interpretarle come una chiave di lettura del mondo!
Lo so, non sto bene, ma il primo passo è ammetterlo!

peaky blinders

Musiche e montaggio in Peaky Blinders

gossip girl

L’evoluzione dell’amico nella storia delle Serie Tv