in

Ti voglio bene, anche se non esisti

2) Takeshi Kasumi – Samurai Gourmet

serie tv

Quando guardai Samurai Gourmet per la prima volta mi colpì proprio lui: anche in questo caso parliamo di un personaggio abbastanza timido e riservato che sebbene non abbia la nomea di supereroe in realtà fa delle grandi cose nel suo piccolo, ogni giorno.

Entri subito in empatia con lui, proprio perché in realtà è lui ad aprirti la porta verso il suo mondo interiore. Kasumi-san è da poco andato in pensione e non sa più come riempire il tempo libero che adesso possiede, dopo anni di duro lavoro. Ci sembra quasi che sorvoli, alle volte, l’infinito orizzonte del dubbio esistenziale, e invece riesce pian piano a trovare una nuova strada da percorrere.

Semplicemente ci fa capire – o meglio, lo capiamo insieme a lui, seguendolo in questo viaggio – che è tempo di riscoprire la vita. Non importa quanti anni tu abbia: esplora, respira, mangia, vivi. Fallo perché non è un qualcosa che possiamo sempre rimandare a domani.

Scritto da Alessia Reina

Laureata in Scienze Biologiche, ho sempre nutrito la passione per la scrittura e per il cinema, due fra i miei hobby più cari.

Ogni Serie Tv è come un libro: ti viene proposta una nuova storia con uno stile e con un linguaggio ben preciso; alla fine del viaggio può restarti qualcosa, come un segno più o meno profondo.

Nei miei articoli spero di trasmettere la stessa passione con cui seguo queste Storie, cercando di analizzarle da un punto di vista critico più oggettivo possibile.

I film sono l’avventura di una notte, le serie tv sono una relazione a lungo termine

Serie Tv

Com’è davvero essere Ted Mosby