in ,

Le 5 migliori Serie Tv di spionaggio che puoi trovare ora su Netflix

Le serie tv di spionaggio sono quel che ci vuole per provare un po’ di suspense e scaricare un po’ di adrenalina. Sì, proprio stando seduti comodi sul divano senza intraprendere alcun tipo di attività fisica, se non quella di cliccare play e immergersi nell’avventura. Chi è appassionato di spionaggio avrà di certo guardato più volte le saghe Mission Impossible e Jason Bourne, ma se vi dicessimo che grazie a Netflix adesso potrete dedicarvi anche alla visione delle serie tv sullo spionaggio?

Se infatti siete alla ricerca di serie tv ricche d’azione, di colpi di scena e di momenti di tensione, talvolta stemperati da ironiche battute, allora vi aiuterà conoscere le cinque migliori serie tv di spionaggio che potete trovare attualmente sul catalogo di Netflix Italia.

Pur appartenendo allo stesso genere, le storie che queste serie tv riescono a distinguersi e a non stancare mai lo spettatore, che spesso si ritrova a guardarle una dopo l’altra.

1) Undercover

Serie tv di spionaggio

Undercover è la serie tv di spionaggio che ameranno anche i fan di Breaking Bad e di The Americans, che sotto certi aspetti sembra ricordare. Tuttavia bisogna che ci si dimentichi dell’America e ci si concentri invece sui Paesi Bassi e sul Belgio, luogo dove è ambientata la serie Netflix.

La sceneggiatura di Nico Moolenaar trae spunto da fatti realmente accaduti raccontando – con eventi e personaggi fittizi – la storia di Ferry Bouman: il più grande produttore e trafficante di ecstasy del Belgio. Ma i veri protagonisti che diventano testimoni e narratori del mondo della droga sono un poliziotto e una poliziotta che, sotto copertura, fingono di essere una coppia in vacanza vicino alla villa di Bouman, in modo tale da poterlo spiare e incastrare facilmente. Entrambi hanno una personalità bizzarra poiché dal loro comportamento emerge l’idea che desiderino e preferiscano vivere sotto copertura piuttosto che tornare a rivestire le loro vere identità.

La regia è affidata a Eshref Reybrouck e Frank Devos, che hanno saputo raccontare con riprese interessanti, amalgamandosi alla sceneggiatura, le difficoltà e le stranezze di questa avventura. Lo scopo appare chiaro: la storia la costruiscono i personaggi attraverso la loro psicologia e le loro intenzioni. Non sono meri pupazzi, ma vivono sullo schermo trasmettendo tutte le emozioni che una realtà come quella della vita sotto copertura può comportare.

2) A Very Secret Service

A Very Secret Service è una miniserie francese che smonta tutti gli stereotipi dello spionaggio nati con la cultura anglosassone. Questa spy story è costruita riuscendo a dosare alla perfezione suspense e comicità, grazie a dei dialoghi e a una regia che sanno come catturare l’attenzione dello spettatore creando spesso sulla scena condizioni di disagio per il protagonista, André Merlaux (conosciuto da molti e molte per il ruolo di Louis Grimaldi in Gossip Girl).

Una serie tv di spionaggio in cui il protagonista non sa di essere una spia.

André viene infatti rapito dall’intelligence francese e si ritrova catapultato in un mondo con cui non credeva avrebbe mai avuto a che fare. L’unica cosa che gli viene comunicata è che dal giorno del rapimento in poi sarà addestrato per diventare una spia, ma il perché abbiano scelto lui e cosa gli vogliano far fare restano un mistero. Nella narrazione si susseguono azione, colpi di scena e tanta ironia che aiutano a realizzare un prodotto straniante di cui i personaggi – tranne il protagonista – sono consapevoli. L’umorismo che avvolge gli episodi rende questo prodotto decisamente diverso, ma molto interessante e piacevole. Noi spettatori avvertiamo il disagio di André perché lo proviamo con lui non sapendo dove la vicenda ci porterà. I personaggi secondari non sono per nulla macchiettistici ma ben delineati in un’ atmosfera che alterna i toni della commedia a quelli del genere d’azione.

3) 24

Serie tv di spionaggio

24 appartiene alle serie tv di spionaggio andate in onda nel primo decennio del nuovo millennio. Creata da Joel Surnow e Robert Cochran, la serie si presenta come un intelligente esperimento narrativo perché la peculiarità del prodotto è quello di narrare gli eventi in tempo reale.

Jack Bauer, interpretato da Kiefer Sutherland, è un agente federale che opera per l’unità anti terrorismo e che, stagione dopo stagione, è colui che deve impegnarsi a salvare centinaia di vite rischiando la propria. Anche in tal caso la personalità del protagonista è tutt’altro che monotona, si potrebbe invece definire sopra le righe e talvolta non in senso positivo. Tuttavia, per il coraggio e la determinazione dimostrata, l’animo di Bauer è gentile e altruista, specialmente perché è costretto letteralmente ogni ora della giornata a disinnescare bombe, ordigni nucleari e diffusioni di armi batteriologiche.

La particolarità assoluta di questa serie tv di spionaggio è la narrazione che dà anche il titolo al prodotto.

Si chiama infatti 24 perché ogni episodio racconta un’ora della giornata in cui il protagonista è chiamato a salvare l’America. Ogni stagione racconta una catastrofe da dover sventare e poiché vi era la necessità di raccontare un’ora della giornata in 45 minuti di episodio mostrando più personaggi, i registi e gli sceneggiatori hanno optato per la tecnica dello split screen.

4) Secret City

Secret City, serie tv di spionaggio australiana diretta da Emma Freeman, tiene incollati allo schermo. Al centro della vicenda vi è Harriet Dunkley, giornalista politica per The Daily Nation coinvolta negli attacchi, nelle tensioni e nelle lotte che si consumano sull’asse Canberra-Pechino. La protagonista, interpretata da Anna Torv che abbiamo visto anche in Fringe, decide di indagare sulla morte misteriosa e strana di alcune persone avvenuta in una tragica realtà militare.

Di certo possiamo inserirla tra le serie tv di spionaggio del catalogo Netflix che hanno catturato l’attenzione di molti spettatori e spettatrici.

La vicenda coinvolge nazioni diverse che agiscono e pongono sul campo infiltrati, spie e trappole ingegnose determinando misteri incessanti, suspense ben costruita e personaggi dalle vite indimenticabili.

Infatti sullo sfondo di questo scontro politico e sanguinario, sbocciano e si sviluppano – all’inizio più lentamente – le relazioni tra i personaggi che sulla scena si fanno pian piano più nitidi permettendoci di comprenderli, di capire le loro scelte e azioni in una realtà in cui celare ogni cosa e agire nell’ombra è forse l’unico modo per sopravvivere.

5) Collateral

Serie tv di spionaggio

Collateral è una serie britannica di quattro episodi che realizza un connubio perfetto tra crime e spionaggio e tra gli attori principali troviamo John Simm, Billie Piper e Carey Mulligan. Mulligan interpreta l’ispettrice Kip Glaspie, intenta nella risoluzione di un crimine violento: un omicidio consumato a Sud di Londra.

L’attenzione di Kip Glaspie cade soprattuto sul politico David Mars e sulla vicaria Jane Oliver che sembrano nascondere molti più scheletri di quanto sembri.

Ciò che emerge dalla sceneggiatura di questa serie tv crime e di spionaggio è la capacità di estrarre da un unico evento temi importanti.

Essi si inseriscono perfettamente sia nella narrazione che nel genere a cui la serie appartiene. Attraverso diversi personaggi – andando quindi oltre la protagonista – vengono narrate le condizioni difficili a cui sono costrette le militari. Al tempo stesso, ci viene mostrata la difficoltà e le numerose contraddizioni del ruolo femminile in ambito ecclesiastico.

Al centro delle vicende si pongono anche questioni strettamente politiche e belliche, che riguardano i rifugiati politici, gli scontri sanguinosi tra Paesi e la crisi. Tutto questo, che forse potrebbe all’apparenza sembrare un melting pot di trame, concorre invece alla realizzazione di un’ottima storia.

Leggi anche: Citadel, la nuova serie Amazon con Richard Madden e Pryanka Chopra

Written by Anastasia Gervasi

Amo leggere e, anche se sono consapevole di non poter superare il record di libri letti da Rory Gilmore (qualcuno può?), sono certa di aver visto più serie tv di lei. Sin da bambina ho sempre amato le storie (okay forse quelle horror un po' meno) e ho sempre voluto parlarne, specialmente dopo averle conosciute grazie a serie tv avvincenti e ricche di feels e angst. Sono cresciuta con i telefilm di Buffy e FRIENDS e ho capito che, come gli amici di tutti i giorni, anche loro sono dei buoni compagni di vita. Ho incontrato personaggi che mi hanno ispirata e mi hanno spinta a migliorare come persona, trasmettendomi anche una carica di adrenalina pazzesca. Sono storie che ti portano ad imboccare una strada, in parte, ancora sconosciuta. Io spero che la mia sia tanto bella, avvincente e avventurosa quanto quella delle mille storie che ho letto e visto in questi anni. Per il resto mi affiderò al Carpe diem di Orazio.

Attori serie tv

10 attori di film e Serie Tv che hanno detto addio alla carriera da attori

La Casa Di Carta

La classifica delle 10 migliori Serie Tv spagnole di tutti i tempi