in

I 5 peggiori flop di Amazon Prime Video di sempre

peggiori serie Amazon Prime Video

A metà 2020 possiamo dire con tutta certezza che Amazon Prime Video di strada ne ha fatta e pure molta: da servizio streaming che timidamente cercava di inserirsi in un panorama già ben avviato, è diventata una delle migliori piattaforme esistenti.

In un tragitto in ascesa verso la consacrazione, ogni tanto capita di inciampare in qualche buca: incidenti di percorso sotto forma di flop seriali. La perfezione non esiste, e le peggiori serie Amazon Prime Video presenti in questa lista ne sono la triste dimostrazione.

Errare è umano, e tutte le piattaforme streaming devono fare i conti con questa verità. Che si tratti di un calo di ascolti o di un debutto non del tutto brillante, le 5 peggiori serie Amazon Prime Video che vedrete in questo articolo, hanno subito cancellazioni repentine e fredde accoglienze da parte della critica e del pubblico. Vi siete già fatti qualche idea?

Scopriamo quali sono i 5 peggiori flop di sempre di Amazon Prime Video: monito per i posteri o ingiustamente ammonite?

1) Crisis in Six Scenes

peggiori serie Amazon Prime Video

La prima serie tv firmata Woody Allen, ebbene sì. Uno dei più proficui e prolifici registi di tutti i tempi ha scritto e diretto una serie tv, e non è andata neanche troppo bene.

<<Penso che Roy Price (capo di Amazon Studios) se ne pentirà>> commentava Allen ancor prima di prendere parte alle riprese della miniserie di cui poi dirà di essersi pentito ogni secondo dopo averne accettato la produzione.

Si sa, gli artisti sono sempre critici nei confronti delle loro stesse opere, ma Allen questa volta non sembra adeguarsi al luogo comune che lo vedrebbe critico nei confronti dell’ennesimo suo grande successo: di applausi concitati e pioggia di complimenti, Crisis in Six Scenes non ne sente neanche l’odore.

Seppur si tratti di una serie tv, Crisis in six scenes appare fin dal primo sguardo tutto meno che un prodotto seriale, quanto piuttosto un film suddiviso in puntate. Una macchietta dello show televisivo che non riesce a lasciare andare le sue origini filmiche, o che forse non vuole proprio farlo.

Woody Allen alla regia, Elaine May e Miley Cyrus tra gli attori principali, quello di Crisis in Six Scenes si prefiggeva come successo garantito sia per il pubblico cinefilo che per quello più marcatamente seriale, almeno sulla carta. Il risultato è stato invece un film godibile ma niente affatto memorabile che ogni tanto si interrompe e riprende da dove l’avevamo lasciato.

Written by Claudia Balmamori

Ho finito Netflix.

Grey's Anatomy

Grey’s Anatomy e Station 19 – Tre guest star diventano regular